COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

BANNER m 262x2574Suolo pubblico gratuito: ecco come gli esercizi che fanno ristorazione possono fare domanda

banner sito Scopri tutti i dettagli

205 interventi sulle scuole, circa 90 su strade e marciapiedi, 480 zone a verde tagliate: sono solo alcuni dei dati che raccontano il lavoro degli operai comunali in un anno

Interventi puntuali eseguiti anche grazie all’ausilio di una applicazione sviluppata internamente al comune e data in dotazione a chi si occupa di manutenzione.

Strade e marciapiedi da sistemare, caditoie da pulire, verde da tagliare, interventi nelle scuole: la manutenzione ordinaria viene svolta a Montelupo da 9 operai comunali.

Se si dovesse riassumere la loro attività si potrebbe dire: dallo spillo al cannone; o meglio dal cespuglio al marciapiede.

La fine dell’anno è momento di consuntivi e i dati in questo caso riescono a raccontare un lavoro che spesso viene dato per scontato, ma che richiede importanti risorse soprattutto di personale.

Vediamone alcuni.

Nell’anno scolastico 2018-2018 gli operai comunali sono stati chiamati per 205 interventi sui 4 plessi scolastici (materna Torre, materna Rodari, scuola Margherita Hack e istituto comprensivo Baccio da Montelupo); si tratta di lavori di vario tipo: sistemazione degli arredi, riparazione dei bagni o degli impianti elettrici.

Sono circa 90 gli interventi di manutenzione ordinaria effettuati su strade e marciapiedi, fra questi anche lavori finalizzati a garantire l’accessibilità per disabili.

Un dato curioso riguarda la segnaletica: sono stati fatti 200 interventi sui cartelli e 100 di sistemazione dei paletti dissuasori (ogni 3 giorni un paletto viene danneggiato dalle auto).

Le aree a verde richiedono un impegno importante, nonostante in alcuni casi sembri che non sia così. In un anno è stata tagliata l’erba in 480 zone, a queste si aggiungono 30 potature e tagli di rami.

Un discorso a parte deve essere fatto per l’illuminazione pubblica, spesso oggetto di segnalazioni. Si tratta di una tipologia di lavori affidati ad una ditta esterna. In un anno arrivano circa 220 segnalazioni relativi a problemi sull’illuminazione. Alcuni sono di facile soluzione, altri richiedono tempi più lunghi.

Per quanto riguarda le modalità di intervento: la gran parte dei lavori viene eseguita in base ad una programmazione annuale, altri vengono effettuati in base alle segnalazioni dei cittadini (nel 2019 sono state complessivamente 839 di cui 625 relative ai lavori pubblici), altri ancora sono previsti a seguito di un’attività di monitoraggio svolta dagli stessi operai.

Internamente al comune di Montelupo è, infatti, stata sviluppata dall’ufficio servizi informatici un’applicazione, poi data in dotazione agli operai: nel corso dell’attività ordinaria possono individuare criticità; le fotografano, geo localizzano e le inviano ad un database.

L’elenco è poi usato per la programmazione degli interventi futuri, con una tempistica che varia in base all’urgenza.

«L’azione degli operai è sotto gli occhi di tutti, ma difficilmente di riesce a percepirne l’importanza; piuttosto è più facile che venga sottolineata qualche mancanza sui social.
Il nostro è un territorio con un’estensione relativamente piccola, ma che necessita di un’attenzione costante. Senza contare che molto spesso lo stesso personale è allertato in caso di emergenze, non ultimo il recente crollo del muro di via Marconi, pochi giorni prima per la piena dell’Arno, tanto per fare gli esempi più recenti.

Nel tempo la forza lavoro è progressivamente diminuita. Il 1 dicembre del 1995 gli operai comunali erano 19 (a quei tempi era interna anche la gestione dei cimiteri), il 1 dicembre del 2012 erano 12 oggi sono 9 operai.

È vero che alcuni servizi sono stati esternalizzati, ma è fondamentale il presidio di chi opera sul territorio quotidianamente; per questo l’applicazione ideata dai servizi informatici interni al comune è un utilissimo strumento di lavoro. Desidero ringraziare ciascuno di loro per il prezioso lavoro svolto», afferma il sindaco Paolo Masetti.



Foto & video