Piano Strutturale Intercomunale della Città e Territori delle due rive

Consultazione del Piano:

Al seguente link è possibile consultare il percorso di formazione del Piano Strutturale Intercomunale effettuato dai Comuni di Empoli, Montelupo Fiorentino, Vinci, Capraia e Limite, Cerreto Guidi:

https://cloud.ldpgis.it/empoli/formazione-psi

In data 28/02/2024 l’avviso di adozione del PSI è stato ufficialmente pubblicato sul BURT e pertanto si rende possibile presentare le osservazioni fino al 28 aprile 2024 compilando il modello reperibile al seguente link:

https://cloud.ldpgis.it/empoli/node/71

Tutte le osservazioni dovranno essere trasmesse per PEC al Comune di Empoli in quanto comune capofila.

Piano Strutturale Intercomunale:

Il Piano Strutturale Intercomunale (PSI) è lo strumento strategico della pianificazione territoriale che definisce le linee strategiche di sviluppo e la programmazione del governo del territorio nel medio-lungo periodo. Esso rappresenta un percorso di pianificazione di “area vasta”, iniziato nel corso dell’anno 2017, quando i Comuni di Capraia e Limite, Cerreto Guidi, Empoli, Montelupo Fiorentino, Vinci hanno avviato i contatti per costruire il Piano oggi denominato “Della Città e Territori delle Due Rive”, promuovendo il concetto urbanistico e pianificatorio di sviluppo sinergico e capillare del territorio e delle città, superando la concezione del progetto solo entro i propri confini amministrativi.

Con DCC n. 185 del 12/11/2018 del Comune di Empoli, quale Comune capofila, è stato formalmente avviato il procedimento ai sensi dell’art. 17 della L.R. 65/2014 per la redazione del Piano Strutturale Intercomunale delle Città e Territorio delle due rive (P.S.I.C.T.) in forma associata tra i cinque Comuni di cui sopra; contestualmente è stato altresì dato avvio alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ai sensi dell’art. 23 della L.R. 10/2010.

La formazione del PSI è stata costantemente associata, in ottemperanza alla legislazione regionale vigente, all’ascolto, alla partecipazione, alla consultazione e al coinvolgimento delle comunità. Con l’atto di avvio del procedimento le Amministrazioni hanno approvato anche il programma delle attività di informazione e partecipazione, così come descritto nel Rapporto predisposto dal Garante dell’Informazione e della Partecipazione, redatto ai sensi dell’art 38 della L.R. 65/2014, finalizzato alla comprensione del ruolo dello strumento sul territorio e alla raccolta dei contributi di tutti i soggetti interessati alla formazione del PSI.

Il 19/12/2023 l’iter di adozione del Piano Strutturale Intercomunale si è concluso a seguito della delibera del Comune capofila, che ha raccolto anche quelle degli altri quattro Comuni. Il relativo avviso di adozione del PSI è stato pubblicato sul BURT in data 28/02/2024, da cui sono iniziati a decorrere i 60 giorni di tempo durante i quali chiunque può prendere visione degli elaborati e presentare osservazioni, così come stabilito all’art. 19 della L.R. 65/2014, fissando così il termine ultimo per la presentazione il 28/04/2024.

Al fine di fornire una guida alla consultazione del Piano Strutturale Intercomunale, consistente in tutti i suoi elaborati, si rende utile specificare che la struttura di tale Piano è articolata in:

Quadro Conoscitivo (QC), che comprende l’insieme delle analisi volte alla comprensione dell’intero territorio intercomunale;
Statuto del Territorio (ST), che definisce la struttura identitaria del territorio intercomunale;
Strategia di Sviluppo Sostenibile (S), che definisce, in coerenza con lo Statuto, le politiche territoriali integrate e ripartisce il territorio in Unità territoriali Organiche Elementari (U.T.O.E.).

Oltre all’articolazione di cui sopra, gli elaborati del PSI comprendono anche:

• la documentazione del Quadro Progettuale (QP) per la Normativa, l’analisi delle singole UTOE, delle aree di Territorio Urbanizzato e Rurale e delle previsioni intercomunali oggetto di conferenza di copianificazione;

• il Quadro Valutativo (QV) per gli elaborati relativi a VAS e VINCA;

• gli elaborati tematici geologici (QG)
• gli elaborati tematici idraulici (QI).

Il PSI ha quindi basato la sua visione complessiva del territorio quale realtà unica che prescinde e supera i confini amministrativi, individuando 10 “obiettivi cardine” posti a fondamenta della formazione del Piano:

1. Il Fiume che unisce
2. La città tra le barriere infrastrutturali
3. Un territorio quattro sistemi
4. La piana agricola-produttiva
5. Un polo funzionale (attrezzature)
6. Una nuova connessione per il territorio (viabilità, ponti e sentieri)
7. La rigenerazione urbana
8. La rete turistica
9. La realtà produttiva
10. Un territorio sicuro

Di seguito l‘elenco completo degli elaborati a cui far riferimento per la consultazione:

Relazione del Responsabile del Procedimento e Rapporto del Garante dell’informazione e della partecipazione

Elaborati Geologici a scala Comunale – QG

Elaborati Idraulici a scala Comunale – QI

Elaborati Idraulici Caprai e Limite

Elaborati Urbanistici a scala Comunale (1:10.000) – QC e ST

Elaborati Urbanistici a scala Intercomunale (1:25.000) – QC, ST e S

Documenti Urbanistici – QC e QP

Elaborati e Documentazione VAS e VINCA – QV

 

Per la consultazione degli elaborati e per qualsiasi informazione il Servizio Territorio si rende a disposizione e si riportano i seguenti contatti:
Dott.ssa Elena Corsinovi – 0571 917571; e-mail: e.corsinovi@comune.montelupo-fiorentino.fi.it
Arch. Pian. Gabriele Mori – e-mail: g.mori@comune.montelupo-fiorentino.fi.it
Dott.ssa Sara Cambi – 0571 917578; e-mail: s.cambi@comune.montelupo-fiorentino.fi.it

 

Per qualsiasi informazione rivolgersi al Servizio Territorio – Sportello Unico Edilizia, nella sede comunale di Viale Cento Fiori n° 34 – Tel. 0571/9174, dalle ore 9:00 alle ore 13:00 da LUNEDÌ a VENERDÌ e dalle 14:30 alle 17:00 nei giorni di MARTEDÌ e GIOVEDÌ.

Torna su