COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

banner sito Natale 2019Scopri gli eventi in programma

Cibic30 novembre | 26 gennaio: in mostra le opere del designer Matteo Cibic

Qualità dell'aria: il laboratorio mobile dell'Arpat promuove la "Città delle due rive"

Effettuate 4 misurazioni, una per stagione, in via Asia a Montelupo Fiorentino nel periodo fra luglio 2018 – maggio 2019

Con il termine "Città delle due rive" si intende l'area che comprende i comuni di Montelupo Fiorentino, Capraia e Limite, Vinci ed Empoli.

Nel 2017 i 4 comuni hanno concordato tra loro e con Arpat la realizzazione di una campagna indicativa di monitoraggio della qualità dell'aria attraverso un laboratorio mobile.

Lo scopo riguardava l’ottenere dati ufficiali e aggiornati sullo stato della qualità dell’aria sulla piana empolese, sia per tranquillizzare i cittadini riguardo alla loro salute, che per dare la possibilità alle imprese di basare studi per l’insediamento di nuove attività produttive su dati più recenti di quelli ad oggi in possesso.

Tra il 12 luglio 2018 e il 5 maggio 2019 sono state effettuate quindi misurazioni con un laboratorio mobile collocato in via Asia, nei pressi del Municipio di Montelupo Fiorentino, unica localizzazione sui quattro Comuni ove esistevano serie storiche di dati provenienti da una centralina ‘di fondo’.

L’indagine si è sviluppata in quattro sessioni di misura, una per ogni stagione meteorologica, in modo da soddisfare i requisiti di copertura previsti dalla normativa per le misure 'di tipo indicativo'.

Dai risultati ottenuti dalla campagna di monitoraggio emerge che per tutti e tre gli inquinanti misurati (ossidi di azoto NO2, Particolato PM10 e PM2.5) i limiti di Legge sono ampiamente rispettati e dal confronto con i dati delle stazioni della rete regionale di riferimento per la nostra zona (Valdarno pisano) e nelle zone limitrofe (agglomerato fiorentino, zona Prato-Pistoia e zona collinare e montana) non emergono criticità particolari.

É possibile consultare il monitoraggio completo sul sito dell’Arpat a questo link: http://www.arpat.toscana.it/temi-ambientali/aria/monitoraggio/report/laboratori-mobili-firenze

dati qualità dellaria

Per tutti gli inquinanti si osserva una chiara correlazione con i dati delle stazioni di fondo della zona del Valdarno pisano: PI-Santa Croce e PI-Passi. Ciò conferisce reputazione di rappresentatività effettiva a tali nodi della rete regionale per il monitoraggio della qualità dell’aria sul territorio della Città delle due rive.

I livelli medi di NO2 registrati sono allineati a quelli della stazione di PI-Santa Croce sull’Arno, mentre per il particolato la stazione di Santa Croce misura valori medi leggermente superiori a quelli registrati durante la campagna di Montelupo Fiorentino.

In sostanza sono emersi risultati più che positivi per la qualità dell'aria della "Città delle due rive" e un andamento in linea con il contesto regionale.

Particolarmente significativo anche l'esito della misurazione del Pm2.5, un componente inquinante mai monitorato ufficialmente in zona, e che si attesta su livelli contenuti.

Sul dato degli NO2 è atteso nei prossimi anni un ulteriore miglioramento, dovuto alla riduzione del parco auto dotato di motori diesel, oltreché all’atteso rinnovamento dei convogli ferroviari a gasolio provenienti dalla linea Empoli-Siena, in attesa della definitiva elettrificazione.

Per le Amministrazioni comunali «Questo monitoraggio locale della qualità dell’aria ci ha rassicurato, data la stretta correlazione con le misurazioni effettuate dalle centraline di riferimento, sulla validità delle normali misurazioni eseguite in continuo da Arpat per conto di Regione Toscana. Questi dati, insieme a quelli provenienti da ulteriori misure previste nei piani di azione comunale, contribuiranno alla verifica e alla misurazione dell'effetto degli investimenti posti in esseresulla sostenibilità ambientale del nostro territorio».



Foto & video