IMU

Ultima modifica: 14 Settembre 2021

Con la Legge di Bilancio 2020, sono state abolite l’imposta unica comunale (I.U.C.) – ad eccezione delle disposizioni relative alla tassa sui rifiuti (TARI) – e la TASI, ed è stata istituita la nuova IMU.

Il presupposto dell’IMU è il possesso di immobili, cioè fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli. L’imposta si calcola applicando al valore dell’immobile l’aliquota approvata dal Comune: per il 2021 è confermata quella in vigore nell’anno precedente.

Per capire meglio a quanto ammonta il pagamento dovuto, si può usare questo programma gratuito di calcolo rapido.

Chi deve pagare
Sono soggetti al pagamento dell’IMU:

  • coloro che possiedono immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, come proprietario oppure come titolari dei diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi o superficie;
  • il genitore affidatario dei figli, per la casa familiare assegnata a seguito di provvedimento del giudice (se si tratta di abitazione di categoria A1, A8 e A9)
  • il coniuge superstite titolare del diritto di abitazione previsto dall’art. 540 del Codice Civile sulla casa adibita a residenza familiare, per la quota che era di proprietà del coniuge deceduto (se si tratta di abitazione di categoria A1, A8 e A9)
  • l’amministratore del condominio, per conto di tutti i condomini, per le parti comuni dell’edificio che sono accatastate in via autonoma come bene comune censibile
  • i concessionari in caso di concessione di aree demaniali
  • i locatari in caso di locazione finanziaria, a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto, anche per gli immobili da costruire o in corso di costruzione.

Immobili già soggetti a TASI
I seguenti immobili che erano soggetti alla TASI sono ora soggetti a IMU:

  • i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita (cosiddetti beni merce), fino a che permane tale destinazione e non siano in ogni caso locati
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale.

Cittadini Italiani residenti all’estero (AIRE)
A partire dal 1 gennaio 2021, è prevista una riduzione pari al 50% dell’IMU per una sola unità abitativa, non locata o data in comodato d’uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia e residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall’Italia. Per tutte le altre abitazioni possedute in Italia da soggetti non residenti nel territorio dello Stato o da cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’AIRE, l’IMU deve essere corrisposta in misura piena.

Quando e come pagare
Le scadenze per il pagamento IMU in due rate sono:

  • il 16 giugno, come acconto del 50% calcolato sulle aliquote per l’anno in corso, se già adottate e pubblicate, oppure su quelle dell’anno precedente
  • 16 dicembre, a saldo e con eventuale conguaglio, usando le aliquote per l’anno in corso.

Si può pagare anche in unica soluzione entro il 16 giugno, usando le aliquote per l’anno in corso, se già adottate e pubblicate, oppure quelle dell’anno precedente.

Il versamento si effettua con il modello F24 e non ha spese di commissione. Il codice identificativo del Comune di Montelupo Fiorentino da indicare è F551. Questi sono i codici tributo per il modello F24:

  • 3912 – abitazione principale
  • 3913 – fabbricati rurali ad uso strumentale
  • 3914 – terreni
  • 3916 – aree edificabili
  • 3918 – altri fabbricati
  • 3925 – immobili categoria catastale D (quota Stato)
  • 3930 – immobili categoria catastale D (quota Comune)
  • 3939 – fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita.

La scadenza per la presentazione della dichiarazione IMU per le variazioni dell’anno 2021 è il 30/06/2022.

 

Ravvedimento operoso
Gli errori, le omissioni, i ritardi e i versamenti carenti dell’IMU possono essere regolarizzati eseguendo spontaneamente il pagamento, attraverso il ravvedimento operoso.

 

Link utili

 

Normativa di riferimento