Autorizzazione paesaggistica

Ultima modifica: 20 Settembre 2021

Si tratta di un atto rilasciato dal Comune per opere o interventi che comportino modifiche allo stato dei luoghi, tali da poter recare pregiudizio ai valori paesaggistici dell’area sottoposta a vincolo. Nell’autorizzazione paesaggistica sono comprese anche le modifiche all’aspetto esteriore degli edifici.

Le autorizzazioni paesaggistiche sono di tipo ordinario e di tipo semplificato.

Come presentare la richiesta

Per presentare la richiesta è necessario essere proprietari dell’area o dell’edificio o possedere un altro titolo giuridicamente valido.

Per l'autorizzazione paesaggistica ordinaria è necessario compilare il modulo presente in questa pagina e inoltrarlo tramite PEC a comune.montelupo-fiorentino@postacert.toscana.it.

L'autorizzazione paesaggistica semplificata si presenta sul portale edilizia SUE.

Costo

  • due marche da bollo da 16 €
  • 125 € per diritti di segreteria, come da tariffario.

Documenti da presentare

Per l'autorizzazione ordinaria:

  • documentazione progettuale necessaria, come da elenco
  • ricevuta del pagamento dei diritti di segreteria.

Per l'autorizzazione semplificata:

  • relazione paesaggistica semplificata (allegato D) completa della documentazione progettuale necessaria, da compilare sul portale edilizia SUE
  • ricevuta del pagamento dei diritti di segreteria.

In entrambi i casi è necessario allegare anche la dichiarazione di assolvimento delle marche da bollo per richieste telematiche, usando il modulo che si trova in questa pagina.

 

Tappe del procedimento

Per l'autorizzazione ordinaria: entro 40 giorni dal ricevimento della richiesta, il Comune effettua gli accertamenti sulla conformità dell'intervento proposto e trasmette al Soprintendente la documentazione presentata, con relazione tecnica illustrativa e proposta di provvedimento.

Il Soprintendente esprime il parere entro 45 giorni dalla ricezione degli atti.

Entro 20 giorni dalla ricezione del parere, il Comune rilascia l'autorizzazione paesaggistica, che diventa efficace dopo 30 giorni dal suo rilascio.

 

Per l'autorizzazione semplificata: il Comune può richiedere all’interessato altri documenti e chiarimenti, in un’unica volta ed entro 10 giorni dal ricevimento dell’istanza. La documentazione integrativa va inviata entro 10 giorni dalla richiesta, per via telematica.

Il procedimento resta sospeso fino alla scadenza del termine assegnato o alla ricezione della documentazione integrativa richiesta. Decorso inutilmente il termine, l’istanza è dichiarata improcedibile.

Entro 20 giorni dal ricevimento della richiesta di autorizzazione oppure dal ricevimento dei materiali integrativi, il Comune trasmette alla Soprintendenza una motivata proposta di accoglimento, insieme alla domanda e alla documentazione in suo possesso.

Se anche la valutazione del Soprintendente è positiva, questi, entro 20 giorni dal ricevimento della proposta, esprime il proprio parere vincolante al Comune, che adotta il provvedimento nei 10 giorni successivi.

 

Normativa di riferimento

  • D.Lgs 42-2004 - Codice dei beni culturali e del paesaggio
  • D.P.R. 31 del 13/02/2017
  • Circolare n. 15 del 2017
  • LINEE GUIDA Autorizzazione paesaggistica
  • D.P.C.M. 12-12-2005
  • L.R. 65/2014
  • Vincoli paesaggistici PIT