Razionalizzazione del consumo di acqua potabile e divieto di uso improprio

23 Giugno 2022

Per i trasgressori sanzioni da 50 a 500 euro

Fino al 30 settembre 2022 è vietato su tutto il territorio comunale di Montelupo l’utilizzo dell’acqua potabile degli acquedotti per scopi diversi da quelli igienico-domestici.

Lo stabilisce un’ordinanza firmata dal sindaco Paolo Masetti che scaturisca dalla constatazione che la scarsità di piogge potrebbe comportare carenze idriche importanti.

In sostanza per “scopi igienico domestici” si intendono quelli finalizzati a bere, lavarsi, cucinare e igienizzare l’ambiente domestico.
Si ribadisce, a titolo esemplificativo, il divieto d’uso dell’acqua potabile degli acquedotti per i seguenti scopi: annaffiare orti e giardini, lavaggio di cortili e piazzali, lavaggio domestico veicoli riempimento di piscine/piscinette a uso privato, vasche da giardino, fontane ornamentali.

In particolare la decisione tiene conto del fatto che l’acqua usata a scopo irriguo viene attinta in prevalenza dall’acquifero sotterraneo del Pesa, con il risultato che i periodi di secca del torrente sono sempre più lunghi e ciò determina gravi conseguenze sull’ambiente circostante e sulle specie animali.

Tutto questo anche in relazione alle recenti modifiche costituzionali dell’articolo 9 in cui si dice che lo Stato «tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni».

Si ricorda che per coloro che violano quanto stabilito dall’ordinanza sono previste sanzioni amministrative da un minimo di 50,00 € a un massimo di 500,00 €.

Un discorso a parte deve essere fatto per i proprietari di pozzi privati; neppure loro possono usare la risorsa idrica in modo indiscriminato, ma devono attenersi ai limiti previsti nel provvedimento di concessione.

In generale l’obiettivo è quello di limitare al necessario il consumo dell’acqua ed è per questo motivo che il Comune ha deciso di fermare gli impianti di irrigazione del verde pubblico e di comunicare ai concessionari degli impianti sportivi di fare un uso parsimonioso dell’acqua.