La villa dell’Ambrogiana entra a far parte dell’itinerario della via Medicea

28 Ottobre 2021

L’adesione votata ieri all’unanimità dal Consiglio Comunale

La villa dell’Ambrogiana rientra nel tracciato della VIA MEDICEA, un itinerario progettato per un turismo esperienziale alla scoperta di natura e storia che già interessa le Cascine Medicee di Prato fino a Fucecchio passando per Poggio a Caiano, Carmignano, Artimino, Bacchereto, Vinci, Cerreto Guidi e la Valdinievole.

Con l’adesione di Montelupo, votata ieri all’unanimità dal Consiglio Comunale, il percorso supera i 100 Km per un itinerario percorribile in 5 giorni, con un dislivello complessivo di 2.145 m, che parte dalle Cascine Medicee di Prato e arriva fino a Fucecchio, dopo aver attraversato Poggio a Caiano, Carmignano, Artimino, Bacchereto, Vinci e Cerreto Guidi e fin nella Valdinievole, tutti territori cari ai Medici e rappresentati anche da Leonardo Da Vinci nei suoi dipinti.

Il nuovo tracciato che comprende Montelupo Fiorentino si snoda per quasi 16 km per un tempo di percorrenza totale di circa 5 ore, con una differenza di quota di 147 metri in discesa (da Artimino a Montelupo) e di 277 metri in salita (da Montelupo all’abbazia di San Martino).

Un’integrazione dell’itinerario che contribuisce ad arricchire l’offerta culturale del percorso, che potrà in futuro svilupparsi e includere altre Ville, oltre alle ville già incluse nel patrimonio Unesco, Villa di Cerreto Guidi, Villa di Poggio a Caiano, Villa di Artimino a Carmignano, Villa La Magia a Quarrata.

A loro si aggiungerà anche il compendio dell’Ambrogina che ad oggi è visibile solo dall’esterno, ma che si auspica potrà presto essere riaperto al pubblico con nuove funzioni. Una villa pressoché unica, per storia e conformazione, con l’approdo diretto sull’Arno.

«Il progetto, coordinato dal Comune di Prato, ha davvero tante potenzialità in un momento storico in cui sta prendendo sempre più campo un turismo lento, in cui ci si sposta a piedi per scoprire luoghi di un fascino antico e grande valore ambientale. L’adesione consentirà a Montelupo di investire in una tipologia di turismo slow e di collocarsi come punto di snodo fra itinerari diversi – come ls ciclopista dell’Arno e la percorrenza fluviale della Pesa che volge verso il Chianti – e nel contempo di valorizzare le nostre emergenze culturali, sicuramente la Villa dell’Ambrogiana, ma anche lo stesso Museo che contiene manufatti commissionati dagli stessi Medici. Ma la via Medicea è qualcosa in più ad un semplice tracciato è un sistema di relazioni che Montelupo vuole sviluppare attarverso il Montalbano verso la piana di Prato e Pistoia», afferma l’assessore all’ambiente Lorenzo Nesi, che ha seguito il progetto assieme all’assessore al turismo Aglaia Viviani.

La via Medicea è un percorso che si pernea intorno al Montalbano, infrastruttura naturale che separa la piana pratese dal Valdarno inferiore e sfrutta antichi tracciati e attraversa splendidi paesaggi, ricchi di crinali boscosi, aree archeologiche, musei, parchi naturali, deliziosi centri storici; essa costituisce anche un collegamento strategico tra la Via della Lana e della Seta, la Via Francigena e la Romea Strata.

“Ringrazio davvero l’Amministrazione comunale di Montelupo, in particolar modo il Sindaco e l’Assessore Lorenzo Nesi, per aver deciso di aderire alla Via Medicea ottenendo un voto unanime dal Consiglio comunale”, dichiara l’Assessore al Turismo del Comune di Prato Gabriele Bosi. “Accogliamo con entusiasmo l’adesione di Montelupo, che dimostra l’importanza e il potenziale di una bellissima Via su cui vogliamo investire con convinzione. Quello dei Cammini è un modello di turismo lento e sostenibile che sta ottenendo sempre più successo di visitatori; per questo dobbiamo valorizzarlo, anche come una leva importante di sviluppo e promozione dei nostri territori. Insieme a Montelupo e a tutti gli altri Comuni aderenti lavoreremo con spirito di squadra in questa direzione”.

Per maggiori informazioni sul la Via Medicea si può consultare il sito internet www.viamedicea.it e la pagina Facebook e Instagram.