Al MMAB una rassegna che parla delle origini dell’uomo

24 Ottobre 2022

Il primo incontro della rassegna ORIGINI: “Il lungo cammino della evoluzione umana” ha registrato un largo interesse di pubblico. Si replica giovedì 27 ottobre alle 17.30

Grande successo per gli incontri di carattere scientifico al MMAB; il primo appuntamento della rassegna dedicata alle origini dell’uomo e curata dal dott. Guido Sannino, ha registrato praticamente il tutto esaurito, con una presenza trasversale, da studenti ad esperti della materia.

«Sono veramente felice di poter presentare questo ciclo di conferenze sull’origine ed evoluzione della nostra specie : “Homo sapiens”.
Il tutto si deve alla sensibilità dell’Amministrazione comunale sul tema ed alla disponibilità dei docenti che hanno aderito all’iniziativa in modo totale. Tutti i docenti chiamati insegnano, tra l’altro, alla prestigiosa Scuola di Paleoantropologia dell’Università di Perugia che ha voluto onorarci con il suo patrocinio. – afferma il curatore, Guido Sannino e prosegue – Il fatto che siamo rimasti l’ultima specie del genere Homo rappresenta di per sé una grossa anomalia in natura. Sicuramente non dovremmo troppo gioire di questa realtà.
Siamo (stati) una specie invasiva che piano, piano ha sostituito tutte le altre. Siamo (stati) molto aggressivi nei confronti di tutto quello che è o era “diverso da noi”, siamo (stati) capaci di piegare l’ambiente al nostro volere. Ora stiamo cercando di limitarci, di auto-addomesticarci per non auto-distruggerci e vivere (forse) in pace con tutti gli esseri viventi e non.
Ci stiamo riuscendo? Purtroppo non abbiamo risposte certa».

Il secondo incontro, previsto per giovedì 27 ottobre alle ore 17,30 ci porterà in Africa, vera culla dell’umanità, là dove tutto è cominciato. Capiremo come, quando e perché ci siamo separati dal ramo delle scimmie antropomorfe.

Con un viaggio lungo 6 milioni di anni vedremo come, appartenendo noi stessi all’ordine dei primati, ci siamo evoluti attraverso molti generi e specie diverse che hanno convissuto anche per centinaia di migliaia di anni e che , a più riprese, a partire da 2 milioni di anni fa, hanno lasciato la “culla africana”per disperdersi e colonizzare l’Eurasia, poi l’Australia ed infine tutte le Americhe e le terre emerse.

La nostra guida, in questa (ri)scoperta delle nostre origini nel tempo profondo sarà il Prof. Damiano Marchi dell’Università degli studi di Pisa.