Panorama Montelupo

Crisi energetica e cambiamento climatico: Montelupo investe altri 100 mila Euro nell’efficientamento dell’illuminazione pubblica

19 Aprile 2022

L’intervento si colloca in continuità con altri già operati sul territorio nei 9 anni passati, grazie ai quali si sono ottenuti risparmi per più di 1 milione di Euro. 

In un momento storico come quello che stiamo attraversando gli investimenti in efficentamento energetico hanno un impatto importante sia sull’ambiente che sui bilanci degli Enti.

A Montelupo i primi interventi di razionalizzazione degli impianti di illuminazione pubblica risalgono al 2012.

L’obiettivo è sempre stato quello di investire nell’illuminazione pubblica per ridurre il consumo di energia e le emissioni in atmosfera, recuperando in pochi anni l’investimento effettuato in risorse correnti.

Il processo di efficentamento è poi rientrato nel PAES (Piano di azione per l’energia sostenibile) approvato nel 2017 dal Consiglio Comunale.

Si stima di aver ampiamente superato nel 2021 il milione di euro risparmiati grazie a questo tipo di scelte su cui il Comune ha intenzione di proseguire con decisione.

Il progetto approvato dalla giunta comunale è stato redatto in relazione ad un monitoraggio di tutti gli impianti finalizzato ad andare a misurare i  consumi effettivi relativi a ciascun punto luce.

Sono state quindi individuate le zone rimaste maggiormente energivore rese oggetto dell’intervento previsto e sono:

CAPOLUOGO AREA DIETRO IL MUNICIPIO: via Asia, via Africa, via Europa, via America, largo Australia, largo Antartide e giardini Beaucaire
FIBBIANA: via Giordano Bruno, via Corta, via della Fonte, via dell’Arno, via delle Croci, via Giovanni Fattori, via Odoardo Borrani, via Pietro Calamandrei, via Pietro Nardini, piazza Nardini, via Raffaello Sernesi, via Telemaco Signorini.
PULICA: parte di via di Pulica

Inoltre con la stessa finalità verrà effettuata, anche per fini di decoro, la riorganizzazione delle prese energia nel CENTRO STORICO poste a servizio degli eventi culturali e di mercatale.

In generale l’intervento prevede la sostituzione dei corpi illuminanti obsoleti con apparecchi di nuova generazione equipaggiati con lampade a LED, con efficienza e durata molto superiore, e la sostituzione delle centraline di zona in modo da permetterne il controllo remoto centralizzato.

Dall’analisi dei consumi è stata stimata una la riduzione delle necessità energetiche post intervento di 93.121 kWh/annui.