COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

8 maro 1944 - La memoria in cammino

Creato Martedì, 28 Febbraio 2017 13:40
Ultima modifica il Martedì, 28 Febbraio 2017 13:56
Pubblicato Martedì, 28 Febbraio 2017 13:40

L’8 marzo del 1944 21 cittadini di Montelupo Fiorentino, assieme a molti altri del territorio, furono deportati ne campi di concentramento e sterminio austriaci dove la maggior parte di loro vi trovò una morte terribile.

La deportazione era avvenuta a seguito dei grandi scioperi dei giorni precedenti. Sciopero che, per la loro rilevanza e partecipazione, avevano impressionato i fascisti ed i nazisti. Da qui l’ordine della deportazione per i partecipanti allo sciopero.

La messa in atto di questo ordine criminale fu però compiuta non dai tedeschi, ma dai fascisti in collaborazione con le autorità locali e quindi da connazionali e concittadini (quasi sempre in diretto rapporto di conoscenza con le vittime). Questo dramma nel dramma inserisce la deportazione nel contesto globale della seconda guerra mondiale e in quel fenomeno definito “la seconda guerra dei trent’anni” (1914-1945) e, altresì, nello scontro fra fascismo e antifascismo che aveva caratterizzato tutto l’arco di tempo dalla fine della prima guerra mondiale.

A Montelupo la deportazione colpì in maniera indiscriminata, togliendo al crimine ogni parvenza di presunta “rappresaglia”.

Dei 21 cittadini solo 5 tornarono vivi, segnati per sempre nel fisico e nello spirito.

È indispensabile riflettere e ricordare quel periodo storico e quei drammatici avvenimenti non tanto e non solo per il dovuto tributo alle memoria e alle vittime, ma per avere la consapevolezza che nessun luogo e nessuna epoca può garantire dal ritorno della violenza come metodo di affermazione politica.

 LA MEMORIA IN CAMMINO

Lunedì 20 febbraio
ore 15,30 Hall del MMAB: “La memoria in cammino verso l’8 marzo 1944”.
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi incontra i familiari dei deportati.
Percorso della memoria sui luoghi del territorio. L’iniziativa è aperta a tutta la cittadinanza);

Mercoledì 8 marzo
Ore 10,00 : Auditorium della scuola. Associazione Plantago letture da “Il Bambino nella neve” di Wlodek Goldkorn. Sarà presente l’autore.
Ore 12,00: deposizione corona al monumento ai deportati di fronte alla Scuola

 Venerdì 10 marzo
Ore 18,00: MMAB (sala lettura) “Museo e memoria”. Presentazione del Museo della Deportazione e della Resistenza a cura della direttrice, Dott.ssa Camilla Brunelli.

A seguire:

Testimonianze degli studenti che hanno visitato il Museo.
Letture dal libro “ Il bambino nella neve “ di Wlodek Goldkorn a cura dell’associazione Plantago.

domenica 12 marzo
ore 11,00: Pieve di San Giovanni, Messa in memoria dei deportati;
ore 12,00: Piazza Matteotti, Monumento ai caduti:letture da parte degli studenti del CCR dedicate alla deportazione;
ore 12,30 Piazza Matteotti: deposizione corona al monumento.