COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

banner sito domenica dei piccoli 2020Scopri il programma

banne sito declinazioni femminili 16 gennaio | Eroi ed eroine della Marvel. Come i cartoni animati influenzano la nostra visione

A 1 mese esatto dal crollo del muro in via Marconi riapre la percorrenza pedonale

In questo modo viene risolto un problema di collegamento di due zone della città, divise dallo scorso 10 dicembre

Un grande boato e il muro che in pochi secondi cade giù. Quanto accaduto lo scorso 10 dicembre rimarrà nella memoria della città. L’aspetto sicuramente positivo è che non ci sono state vittime.

I disagi tuttavia non sono mancati: per le famiglie evacuate, per i residenti della zona e anche per i commercianti.

Passo dopo passo e in tempi celeri l’amministrazione comunale si è adoperata per risolvere i problemi.

La buona notizia è che dal pomeriggio di oggi venerdì 10 gennaio sarà riaperto il collegamento pedonale su via Marconi; in questo modo viene risolta una situazione critica per molti cittadini (soprattutto anziani), ma anche per gli esercizi commerciali.

Il controllo con monitoraggio attuato a partire dal 14 dicembre 2019 da parte del dipartimento di protezione civile dell'Università di Firenze con georadar ha evidenziato, in occasione delle precipitazioni che si sono verificate nel frattempo, alcuni movimenti centimetrici della coltre superficiale del terreno al piede della zona del muro crollato. La zona risulta opportunamente confinata. I punti di controllo sulla parte superiore, invece, non evidenziano movimenti di rilievo.

«Quanto accaduto lo scorso 10 dicembre è stato un brutto colpo per Montelupo. Ci ha imposto di cambiare le nostre priorità.Ci siamo posti l’obiettivo di rispondere in maniera celere a tutte le criticità al fine di ridurre al minimo i disagi per i cittadini. Comprese le famiglie che sono state evacuate.Non dobbiamo dimenticarci che ci sono indagini in corso, ma i risultati del monitoraggio lasciano ben sperare anche per quanto riguarda il rientro nelle loro case.Devo dire che non siamo stati lasciati soli in questa situazione. La Regione ci è stata vicina fin da subito e in tempi rapidi ha stanziato le prime risorse per l’intervento di ripristino. Anche con la Procura c’è un rapporto di collaborazione che ha agevolato alcuni passaggi fondamentali.Ancora una volta voglio ringraziare tutti coloro che non hanno risparmiato energie in questa situazione. Non è né banale, né scontato», afferma il sindaco Paolo Masetti.



Foto & video