COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

Il 20 dicembre il Consiglio Comunale ha approvato il bilancio 2020-2022

Categoria: Notizie
Creato Lunedì, 23 Dicembre 2019 15:06
Ultima modifica il Lunedì, 23 Dicembre 2019 15:06

Un documento su cui pesa l’incognita dei costi da sostenere per il ripristino del muro di Via Marconi e la messa in sicurezza dell’area. Anche se per questo c’è già l’impegno di un sostegno da parte della Regione.

Il 20 dicembre è stato approvato dal Consiglio Comunale il bilancio di previsione per il periodo 2020 – 2022.

Così come negli anni precedenti non sono previsti incrementi delle imposte. Una scelta che viene reiterata dal 2015, ultimo anno in cui sono stati ritoccati gli importi; nel 2018 l’Amministrazione aveva aumentato le soglia di esenzione per l’addizionale Irpef.

Invariate anche quasi tutte le tariffe, tranne quella della mensa che era ferma ormai da 6 anni. Come già spiegato, l’incremento del 5% è dato dall’adeguamento all’inflazione e soprattutto dalla scelta di usare materie prime di filiera corta e biologiche.

  1. Sistemazione della Prioria e dell’area intorno al “Castello”

  2. Riqualificazione e nuova destinazione per l’ex cinema risorti

  3. Recupero della cappella di Villa Mannelli, realizzabile solamente se verrà venduto l’appartamento di proprietà comunale, attiguo alla stessa cappella.

Per quanto riguarda le infrastrutture è arrivata in questi giorno la notizia della proroga fino al 2021 del finanziamento del CIPE per la realizzazione del ponte di Fibbiana.
A tal fine nel 2021 è stato prevista l’accensione di un mutuo flessibile di 600.000 euro per il pagamento della quota parte che spetta al comune. È stata scelta la formula “flessibile” per decidere se tenerlo o meno nel caso (come accaduto per altri progetti) si possa accedere ad altre risorse esterne.

Inoltre altre risorse saranno destinate prioritariamente per interventi di efficientamento energetico. Si tratta di opere che, a fronte di un investimento una tantum, sono destinate a generare risparmiper le casse comunali per diversi anni. Dopo il municipio si interverrà sugli impianti del MMAB e anche sulla pubblica illuminazione

Inoltre si continua ad investire nella scuola e nell’infanzia.
È attualmente in corso la gara per l’individuazione di un nuovo soggetto gestore del trasporto scolastico. Al fine di alzare la qualità del servizio è stato scelto di incrementare l’importo a base di gara di circa il 30% rispetto all’attuale costo chilometrico.

«Dietro ai numeri ci sono i principi che hanno guidato la stesura del documento economico: attenzione ai cittadini, mantenimento e ove possibile incremento degli standard dei servizi, promozione della coesione sociale, investimento sull’educazione e sulla sicurezza dei cittadini.
Per questa ragione abbiamo operato scelte che perseguono il principio della ottimizzazione delle risorse e anche del risparmio di lungo periodo.

Faccio un esempio, riferendoci all’intervento di sistemazione del palazzo comunale. Nel 2019 abbiamo speso 970.000 euro (di queste 780.000 euro sono arrivati da finanziamenti esterni), già dal 2020 in virtù dei lavori avremo un risparmio stimato di circa 60.000 euro.
Ciò si traduce anche in minor consumo delle risorse energetiche e quindi minor impatto per l’ambiente. Come dicono gli americani: “WIN WIN”, vinci due volte», afferma l’assessore al bilancio, Simone Londi.

La giunta ha predisposto il bilancio lo scorso 5 dicembre, quindi prima che si verificasse il crollo del muro, resta quindi da capire se e in quale misura tale evento avrà ripercussioni sul bilancio dell’ente e in particolare sulle spese di investimento.

Certo è che c'è l'impegno da parte della Regione di finanziare gli interventi di somma urgenza per permettere alle famiglie evacuate di rientrare in sicurezza nelle loro case e per il ripristino della viabilità sulla via Marconi.

«Abbiamo approvato il primo bilancio del nuovo mandato. Un documento economico che si colloca in continuità con quanto accaduto prima – la giunta è rimasta in buona parte invariata – è che introduce alcuni elementi di novità, soprattutto “concettuali”.
La costante attenzione alla fasce deboli della popolazione.

L’attenzione all’ambiente e in particolare al costruire in modo sostenibile. Ciascuno di noi può fare una piccola parte per “vivere sostenibile”, ma credo che siano gli interventi strutturali a fare la vera differenza. L’intervento sul palazzo comunale, per quanto non ancora concluso, ce lo sta già dimostrando.
Mettiamo mano a tre luoghi della nostra città che sono certo diventeranno piccoli “gioielli”: il castello, l’ex cinema Risorti e la cappella di Villa Mannelli.
Auspichiamo che il 2020 possa essere l’anno in cui si pongono le basi per il cantiere di realizzazione del ponte di Fibbiana.
Stiamo aspettando novità dal Demanio per quanto riguarda la villa medicea dell’Ambrogiana.

Siamo fermamente convinti che l’integrazione fra pubblico e privato sia una risorsa importante e una pratica virtuosa i cui risultati positivi ricadono sul territorio.

Vanno in questa direzione la convenzione firmata con “Investire” per la ripartenza del cantiere dell’ex vetreria Lux dove saranno realizzati appartamenti a canone concordato e anche il Progetto Unitario Convenzionato relativo al comparto Colorobbia di via Gramsci che ci permetterà nel tempo di realizzare una vera e propria “cittadella dei saperi”.

Infine, questo 2020 ci vedrà impegnati a gestire e risolvere quanto accaduto in via Marconi con il cedimento del muro. È importante la compartecipazione della Regione e di altri soggetti esterni, ma in generale si tratta di una situazione che ci vedrà impegnati su più fronti e che richiede la massima attenzione», conclude il sindaco Paolo Masetti.