COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

banner sito domenica dei piccoli 2020Scopri il programma

banne sito declinazioni femminili 16 gennaio | Eroi ed eroine della Marvel. Come i cartoni animati influenzano la nostra visione

Case popolari: riapre il bando

Nei Comuni dell’Unione Empolese Valdelsa dal 16 dicembre 2019 è possibile fare domanda per l'assegnazione di alloggi pubblici. Importanti novità per quanto concerne i requisiti di accesso e per i punteggi della graduatoria


Da lunedì 16 dicembre è aperto il bando per l’assegnazione delle case popolari nei Comuni del Circondario Empolese Valdelsa.

Fino al 14 febbraio 2020 sarà possibile fare domanda per l'assegnazione in locazione semplice di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica, che si renderanno disponibili nei Comuni del Circondario Empolese Valdelsa dove si ha la residenza o dove si svolge la propria attività lavorativa.

Rispetto ai bandi pubblicati in passato, quest’ultimo si caratterizza per alcune significative novità introdotte dalla nuova legge regionale che disciplina l'edilizia residenziale pubblica.

I Comuni dell’Empolese Valdelsa invitano quindi gli aspiranti partecipanti al concorso a porre attenzione ai nuovi requisiti di accesso e al nuovo elenco di situazioni che danno diritto ad un punteggio consultando il bando con la massima attenzione. L’ultimo bando risaliva al dicembre 2015.

Si tratta di un bando generale pertanto la graduatoria precedente viene azzerata, dunque chi già faceva parte della graduatoria ERP deve ripresentare nuovamente la domanda.

Requisiti. Possono partecipare i residenti dei rispettivi Comuni dell’Unione Empolese Valdelsa o i cittadini che svolgono attività lavorativa in uno dei Comuni dell’Unione. Serve la cittadinanza italiana o di uno stato aderente all’Unione Europea, (tuttavia possono partecipare anche i cittadini stranieri titolari di permesso di soggiorno C.E di lunga durata o titolari di permesso di soggiorno almeno biennale in corso di validità e regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo, assenza di condanne penali e l’indicatore della situazione economica equivalente Isee deve risultare non superiore alla soglia di 16.500 euro.

Tra gli altri requisiti riportati nel bando: assenza di titolarità di diritti di proprietà o usufrutto, di uso o abitazione su un alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare, a una distanza pari o inferiore a 50 chilometri dal comune in cui è stata presentata la domanda di assegnazione; assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano o all’estero. Il valore patrimoniale mobiliare non deve essere superiore a 25mila euro, non si devono possedere natanti o imbarcazioni a motore o a vela, autoveicoli immatricolati negli ultimi 5 anni aventi potenza superiore a 80 Kw. Inoltre il patrimonio complessivo, mobiliare e immobiliare, non deve superare i 40mila euro.

Eventuali altri requisiti per la partecipazione sono elencati nel bando di concorso

Modulistica, termini e modalità di presentazione. Le domande di partecipazione al concorso devono essere compilate unicamente sui moduli appositamente predisposti dall’Unione dei Comuni. Il bando, i moduli di domanda e tutta la documentazione necessaria possono essere ritirati i presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico o altro ufficio incaricato – del proprio comune di residenza nell’orario di apertura al pubblico.

Scarica il bando

Scarica il modulo di domanda

Scarica la richiesta verifica presenza barriere architettoniche

Scarica la dichiarazione sostitutiva

Le domande possono:

- essere presentate presso l’ufficio protocollo del Comune di residenza o l’ufficio protocollo dell’Unione dei Comuni (Piazza della Vittoria 54 – Empoli)

- essere spedite per PEC all’indirizzo dell’Unione dei Comuni circondario.empolese@postacert.toscana.it

- essere spedite a mezzo raccomandata postale a/r con nome, cognome ed indirizzo del mittente, entro il 14 febbraio 2020. Per le domande spedite a mezzo raccomandata farà fede il timbro dell’ufficio postale.

Formazione e validità della graduatoria. In caso di più richiedenti in possesso del medesimo punteggio, la priorità è data a quelli con la situazione economica meno favorevole, in caso di parità anche nelle relative situazioni economiche, la priorità è stabilità in base alla data di nascita, dal più anziano al più giovane, procedendo a successivo sorteggio in caso di ulteriore parità. La graduatoria ha validità a decorrere dal giorno successivo alla sua pubblicazione all’albo pretorio dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa e conserva la sua efficacia fino al successivo aggiornamento.



Foto & video