COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

banner sito Natale 2019Scopri gli eventi in programma

Cibic30 novembre | 26 gennaio: in mostra le opere del designer Matteo Cibic

Dal 18 al 22 febbraio prevista la chiusura al traffico di via Nuova

Si tratta di una misura necessaria per consentire le opere funzionali alla realizzazione di una nuova illuminazione pubblica.

La viabilità cambierà come segue:

Þ    Divieto di transito su via Nuova

Þ    Divieto di sosta su entrambi i lati su via Nuova

Þ    Gli autorizzati ZTL entreranno dal ponte e transiteranno su corso Garibaldi da piazza della Libertà verso via Baccio da Montelupo

I lavori per la sistemazione dell’illuminazione pubblica sono iniziati da qualche mese.

Le aree interessate dal progetto sono via Roma e ponte sulla Pesa, piazza della Libertà, corso Garibaldi, via Baccio da Montelupo, via Nuova, via Giro delle Mura, via XX Settembre, via Centi, piazza Marconi, Lungo Pesa, via Tassinari, via del Castello, vicolo Sinibaldi, via Gramsci e via Pavese, piazza Matteotti.

Gli impianti prima parcellizzati diventeranno un’unica rete, più semplice da gestire e che potrà intergrata con altri servizi “intelligenti” quali monitoraggio messaggistica informativa, trasmissioni dati senza fili e rilevazione dell’inquinamento ambientale e della qualità dell’aria.

I vecchi corpi illuminanti saranno sostituiti con apparecchi a led, ciascuno dei quali può essere gestito da remoto per interventi su guasti e regolazione dell’illuminazione. Complessivamente si interverrà su 145 corpi illuminanti e sono state individuate tre diverse tipologie: le lanterne per l’area del castello, i dischi (che riprendono modelli utilizzati negli anni Quaranta e Cinquanta) e apparecchi incassati.

Il progetto, per come è stato congeniato, presenta alcune peculiarità.

In primo luogo mira a valorizzare i luoghi d’interesse della città, attraverso un’illuminazione monumentale di opere artistiche (fra cui quelle realizzate per Materia Prima, che saranno anche monitorate con impianti di videosorveglianza), palazzi storici, mura cittadine e alcune ceramiche di particolare pregio.

L’utilizzo di impianti a led consente di agire contemporaneamente per migliorare l’illuminazione e abbattere il consumo: si stima una riduzione di 68.460 Kwh/anno, corrispondenti a circa 14.000 euro



Foto & video