COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

Banner-262x257Come è cambiata Montelupo? Video e alcuni report per scoprirlo

PIV-banner-262-x-257-Scopri il programma

Contributo per famiglie con figli minori disabili gravi

Domande a partire dal 15 gennaio 2019

La Regione Toscana, al fine di sostenere le famiglie con figli disabili minori di anni 18, istituisce un contributo annuale per il triennio 2019–2021 pari ad euro 700 a favore delle famiglie in possesso degli appositi requisiti, per ogni minore disabile ed in presenza di un’accertata sussistenza nel disabile della condizione di handicap grave di cui all’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Ai fini dell’erogazione del contributo è considerato minore anche il figlio che compie il 18° anno di età nell’anno di riferimento del contributo.

I contributi sono concessi dal comune di residenza del richiedente a seguito di istanza presentata entro il 30 giugno di ciascun anno di riferimento del contributo.
L’istanza di concessione del contributo è presentata dalla madre o dal padre del minore disabile, o da chi esercita la responsabilità genitoriale.
I contributi concessi sono comunicati alla Regione che provvede ai relativi pagamenti.

Requisiti per la concessione del contributo

a) il genitore che presenta domanda deve far parte del medesimo nucleo familiare del figlio minore disabile per il quale è richiesto il contributo;
b) sia il genitore, sia il figlio minore disabile devono essere residenti in Toscana, in modo continuativo da almeno ventiquattro mesi, in strutture non occupate abusivamente, dalla data del 1° gennaio dell'anno di riferimento del contributo;
c) il genitore che presenta domanda e il figlio minore disabile devono far parte di un nucleo familiare convivente con un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore ad euro 29.999,00;
d) il genitore che presenta la domanda non deve avere riportato condanne con sentenza definitiva per reati di associazione di tipo mafioso, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o altra utilità di provenienza illecita di cui agli articoli 416 bis, 648 bis e 648 ter del codice penale.

Le istanze di concessione dei benefici sono redatte secondo uno schema-tipo approvato con decreto del dirigente regionale competente per materia e sono corredate da certificato comprovante l’handicap grave di cui all’articolo 3, comma 3, della l. 104/1992 e dall’attestazione ISEE aggiornata in corso di validità.

Maggiori informazioni su www.regione.toscana.it
Scarica il modulo
Scarica l'informativa sulla privacy



Foto & video