COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

Banner-262x257Come è cambiata Montelupo? Video e alcuni report per scoprirlo

PIV-banner-262-x-257-Scopri il programma

Contributi ad integrazione delle rette per i bambini che frequentano i nidi privati, accreditati

 

È in pubblicazione il bando. La domanda deve essere presentata entro il 6 ottobre

 

Un sostegno concreto alle famiglie con figli piccoli. L’amministrazione comunale ha scelto di investire una parte degli oltre 71.000 euro dei fondi del MIUR attribuiti a Montelupo dalla Regione Toscana a sostegno delle famiglie i cui figli frequentano i nidi privati accreditati.

 

I contributi riguardano la frequenza agli asili nido nel periodo settembre – dicembre 2018 e la domanda (disponibile sul sito del comune) deve essere presentata entro il 6 ottobre.
Per accedere al beneficio è necessario:
che i bambini, con un’età compresa fra 3 e 36 mesi, che frequentano il nido privato siano inseriti nella lista di attesa dei servizi educativi comunali
i bambini devono essere iscritti a uno dei nidi privati convenzionati di Montelupo alla data del 1 ottobre 2018.
L’ISEE (indicatore della situazione economica della famiglia) deve essere inferiore a 50.000 euro
L’importo del contributo sarà calcolato in base alla differenza con quanto il genitore pagherebbe per un nido pubblico, in base alla fascia di reddito e all’orario.
Il commento
«L’assessorato alle pari opportunità ha promosso qualche mese fa un’indagine indirizzata alle cittadine di Montelupo, volta a comprendere quali siano i bisogni, le esigenze e le aspettative delle donne. Una necessità che è emersa in modo preponderante è quella di essere supportate nell’accudimento dei figli e nella gestione dei tempi fra famiglia e lavoro. Il contributo per la frequenza ai nidi vuole essere una risposta anche a questa necessità, oltre a quella di andare incontro economicamente alle esigenze di quelle famiglie i cui figli non possono frequentare il nido pubblico», afferma l’assessore alla scuola, Simone Londi.

 

 Scarica il bando

Scarica la domanda

Informativa privacy



Foto & video