COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

banner turisticoScopri il territorio

logo narrazioni popolariScopri la mostra allestita presso il Palazzo Podestarile fino al 16 dicembre

Un’ordinanza per limitare il consumo dell’acqua: è stata firmata dal vice sindaco nei giorni scorsi

Una misura volta anche a salvaguardare il torrente Pesa

Fino a poco tempo fa l’acqua scorreva in Pesa e dopo tanti anni per quasi tutto il mese di giugno il greto del torrente non era in secca.

Il caldo delle ultime settimane, tuttavia, ha cambiato drasticamente la situazione, creando in generale problemi per l’approvvigionamento dell’acqua.

Per questa ragione nei giorni scorsi il vice sindaco ha firmato un’ordinanza finalizzata a razionalizzare il consumo idrico.

Su tutto il territorio comunale è vietato usare l’acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico domestici.

In pratica, per fare qualche esempio, l’ordinanza vieta l'innaffiamento di prati e giardini o il lavaggio della propria autovettura oppure anche il riempimento di piscine o altri bacini, con acqua proveniente da acquedotto.

Per coloro che violano le limitazioni sono previste sanzioni che vanno da 100 a 500 euro.


 

Al riguardo si consigliano piccoli comportamenti utili che tutti possono seguire al fine razionalizzare l’utilizzo ed evitare gli sprechi:

  • Usare i frangigetto. Basta applicare questi dispositivi al rubinetto per ottenere un notevole risparmio d'acqua: ben 6.000 litri d'acqua in una famiglia di tre persone all’anno;
  • Fare attenzione alle perdite e controllare gli impianti. Riparare tempestivamente un rubinetto che gocciola o un water che perde può far risparmiare in un anno una notevole quantità d'acqua: 21.000 litri circa per le perdite dal rubinetto e 52.000 litri circa bloccando il lento ma costante fluire dell'acqua dal water;
  • Nelle operazioni di lavaggio dei piatti o in quelle di igiene personale è buona norma non lasciare che l'acqua scorra inutilmente; in questo modo è possibile risparmiare circa 2.500 litri di acqua per persona all'anno; 
  • Far funzionare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico così da favorire il risparmio di circa 8.200 litri per una famiglia 'tipo' di 3 persone all’anno e ridurre anche i consumi di energia elettrica.

• rIutilizzare l’acqua di lavaggio della frutta e della verdura per innaffiare i fiori e le piante, raccogliendola in appositi contenitori.