COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

osservatorio 214 luglio:  Piero Angela a Montelupo

stazioni sonore sitoIl 20 luglio un nuovo appuntamento con Empoli Jazz.

Approvato il bilancio 2018

La nuova scuola, il ponte di Fibbiana e il recupero del complesso dell'Ambrogiana: le sfide che portano verso la fine del mandato

Il consiglio comunale ha approvato ieri sera la manovra finanziaria relativa al 2018. Un aspetto, questo che rappresenta già una novità rispetto al passato, come evidenzia il sindaco Masetti: «per la prima volta nei termini previsti dalla legge. All'inizio del mandato il documento previsionale venne approvato a luglio, poi abbiamo sempre anticipato i tempi; fino e quest'anno in cui, per la prima volta, lo portiamo all'attenzione del consiglio entro il 31 dicembre; ciò consente sicuramente al comune di lavorare meglio.
Il momento dell’approvazione del bilancio è anche l’occasione per tracciare tutti gli interventi previsti per i prossimi mesi, anche quelli che non sono direttamente inseriti nella manovra economica dell’ente».

Vediamo nel dettaglio quali sono gli elementi principali del documento revisionale da oltre 18.000.000 di euro.

Pressione fiscale e risorse economiche.

Rimangono invariate rispetto allo scorso anno le aliquote di IMU e TASI e non cambiano neppure le tariffe dei servizi a domanda individuale.

Tasi
ISEE fino a € 5.000,00 riduzione del 100% dell’imposta dovuta per l’anno;
ISEE da € 5.000,01 fino a € 10.000,00 riduzione del 50% dell’imposta dovuta per l’anno
ISEE da € 10.000,01 a € 18.000,00 riduzione del 30% dell’imposta dovuta per l’anno

Imu

Aliquota ordinaria, aree edificabili, terreni agricoli nonché terreni non coltivati, ed immobili diversi da quelli sotto indicati.

0.90%

Immobili adibiti ad abitazione principale identificati nella categoria catastale A/1 - A/8 - A/9 e relative pertinenze (comprese le fattispecie assimilate ai sensi del Regolamento Comunale per la disciplina dell’Imposta Unica Comunale)

0.27%

Immobili identificati nella categoria catastale da A/1 a A/9 (abitazioni) e relative pertinenze, diversi dall’abitazione principale, a qualunque titolo utilizzati, escluso quelli concessi in uso gratuito a genitori o a figli (parenti in linea retta entro il primo grado) utilizzate come abitazione principale

1.06%

Immobili identificati nella categoria catastale da A/1 a A/9 (abitazioni) e relative pertinenze concessi in uso gratuito a genitori o a figli (parenti in linea retta entro il primo grado) utilizzate come abitazione principale, limitatamente ad una sola unità immobiliare

0.60%

Tariffe dei servizi a domanda individuale

Il sistema tariffario è rimasto stabile nel tempo, garantendo così sia all’ente che al cittadino un quadro di riferimento duraturo, coerente e di facile comprensione. Quanto versato dai cittadini copre oltre il 60% del costo del servizio.

Raccolta fondi

Molte delle risorse necessarie a realizzare le opere pubbliche per il 2018 e anche per l'anno successivo arrivano nelle casse comunali grazie alla capacità del nostro ente attrarre finanziamenti esterni con una capillare attività di fundraising. Abbiamo presentato progetti in risposta a bandi pubblici promossi da altri enti e soggetti privati.

Grazie a tali risorse, riusciremo ad avviare la riqualificazione e l'efficentamento energetico del palazzo comunale; il recupero della ex fornace Cioni Alderighi (è di questi giorni la notizia di un finanziamento regionale di 96.000 euro); la realizzazione della ciclopista dell'Arno e il recupero del complesso sportivo situato in zona Graziani.

Anche alcuni dei più importanti progetti culturali realizzati dall’ente nel 2017 e previsti per il 2018 sono stati sostenuti in parte da risorse derivanti da progetti presentati in risposta a bandi pubblici. È questo il caso, ad esempio del cantiere d’arte contemporanea Materia Montelupo e dell’esposizione ad esso collegata.

Riorganizzazione dell’ente

Il 2018 sarà caratterizzato un'importante riorganizzazione interna dell'ente, conseguente a numerosi pensionamenti e funzionale a rispondere alle mutate esigenze della pubblica amministrazione.

Progetti per la città e investimenti

Gli anni che vanno verso la fine del mandato vedono concretizzarsi molti progetti su cui l’amministrazione sta lavorando da anni.

Sicurezza stradale e mobilità sostenibile.

  1. Il finanziamento regionale per la ciclopista dell’Arno consentirà di intervenire nel potenziamento e riqualificazione del sistema di piste ciclabili cittadine, riorganizzando tutta la viabilità su via Caverni e sul ponte della Pesa.
  2. Entro il 2020 sarà completata la ciclopista n. 1 che collega Fibbiana con il centro cittadino costeggiando via Caverni, via fratelli Cervi fino e collegandosi a viale Cento Fiori.
  3. È previsto il secondo stralcio della messa in sicurezza di via Val di Pesa
  4. Sarà completata nel 2018 la rotonda a 5 vie all’intersezione fra via delle Croci e la statale 67
  5. Sempre grazie ad un finanziamento esterno sarà sistemato il collegamento fra i due lati della Pesa nella zona sportiva di Graziani.

Cultura, turismo e commercio

  1. Per altri due anni proseguiranno gli incentivi a fondo perduto per tutti coloro che desiderano aprire un’attività nel centro cittadino e nel contempo nel 2018 saranno avviati interventi di riqualificazione, primo fra tutti il completo rifacimento dell’illuminazione pubblica
  2. Sempre in centro storico, dopo alcuni anni di attesa, inizierà anche l’intervento di recupero dell’area Ex Risorti con un progetto che è stato pensato anche attraverso un’operazione di ascolto di cittadini e associazioni, in parte già effettuata.
  3. Pochi giorni fa, è arrivata la risposta positiva ad un progetto presentato alla Regione Toscana, grazie alla quale il comune potrà beneficiare di 96.000 euro per la riqualificazione della ex fornace Cioni Alderigihi.
  4. Nel 2019 è previsto un intervento per rendere nuovamente fruibile il belvedere del Castello in collaborazione con la parrocchia di Montelupo
  5. Realizzazione della Cittadella dei saperi. Si tratta di un progetto complesso e strategico, promosso da un privato e che ha visto recentemente l’approvazione di una convenzione fra Colorobbia, Comune e Regione Toscana. Non sarà completato nel 2018, pur essendo caratterizzato da un avanzamento significativo. In questo ambito rilevante sarà la rinnovata attività della nuova scuola della ceramica. Questo progetto ambizioso può essere realizzato grazie a una collaborazione virtuosa e, per certi versi inedita, fra pubblico e privato.

Strutture e Servizi per l’infanzia e per i ragazzi

Questo ambito sarà caratterizzato dall’avvio del cantiere del secondo lotto della scuola Margherita Hack. Come conseguenza diretta avremo una riorganizzazione degli spazi destinati a nidi, asili e scuole con il vantaggio di poter accogliere i bambini in strutture nuove, sicure e belle.

Nel corso dell’anno, poi, sarà prestata una particolare attenzione alle attività indirizzate ai ragazzi più giovani con l’avvio di percorsi dedicati.

Grandi opere

Due sono gli interventi ambiziosi e di ampio respiro che l’amministrazione segue con attenzione, anche se non sono di sua diretta competenza: il recupero della villa dell’Ambrogiana e la realizzazione del ponte di Fibbiana.

È verosimile che per quest’ultimo nel 2018 saranno realizzati tutti i passaggi che porteranno all’avvio dei lavori.

Per quanto concerne il recupero dell’Ambrogiana, la situazione è più complessa.
Il comune di Montelupo coordina il gruppo di lavoro che ha analizzato le candidature arrivate in risposta all’avviso del Demanio per la realizzazione del progetto di fattibilità. Il soggetto individuato dovrà presentare il progetto entro fine aprile 2018 e conseguentemente dovranno essere fatte le necessarie varianti urbanistiche.

Quindi dal secondo semestre del 2018 quel complesso potrà essere oggetto di investimenti pubblici e privati. Ovviamente per noi è imprescindibile che venga garantita in parte di fruizione pubblica. Inoltre, abbiamo avviato un percorso affinché il complesso dell’Ambrogiana venga inserito fra i beni tutelati dall’Unesco.

Manutenzioni
Una quota parte del bilancio viene destinata a opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Se il 2017 è stato caratterizzato da interventi di asfaltatura delle strade, nel 2018 ci si concentrerà sulla sistemazione dei giardini e delle aree gioco attrezzate, con una particolare attenzione alla frazione di Fibbiana.