COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

BANNER m 262x2574Suolo pubblico gratuito: ecco come gli esercizi che fanno ristorazione possono fare domanda

banner sito Scopri tutti i dettagli

Ragazzina trovata in una pozza di sangue nel Parco dell’Ambrogiana

Le sue condizioni, inizialmente molto preoccupanti, sono andate migliorando

Una brutta storia per Montelupo. Questa mattina intorno alle 7.00 un passante ha notato una ragazza in una pozza di sangue accasciata in un angolo nascosto all’inizio del parco dell’Ambrogiana, nel pressi del ponte della ferrovia.

La giovane, una diciassettenne di Fucecchio, è stata soccorsa e trasportata all’ospedale San Giuseppe di Empoli.

Da una prima ricostruzione dei fatti, tutta da verificare, sembra che la giovane abbia trascorso la serata in un locale di Montelupo molto frequentato dai ragazzi del territorio e che si sia allontanata a seguito di una lite.

Sono ancora in corso i rilievi della polizia scientifica per ricostruire l’accaduto.

L’aggressione non è avvenuta nel parco dell’Ambrogiana, ma all’inizio del viale Umberto I. Successivamente la giovane è stata trascinata nel luogo in cui è stata trovata.

L’area è controllata da telecamere.


In centro storico si trovano in  piazza libertà, sul ponte sulla Pesa, via Roma, corso Garibaldi e nel Parco dell’Ambrogiana.

Tuttavia, l’aggressione si è verificata in un punto cieco. Le forze dell’ordine stanno controllando i filmati per capire se possono ricavarne comunque informazioni utili.

Il commento del sindaco Paolo Masetti.

«Sicuramente un fatto gravissimo per la nostra comunità, che una mattina si sveglia con la notizia di una ragazzina selvaggiamente picchiata.

Prima di fare qualunque considerazione desidero attendere l’esito delle indagini.

Sicuramente come amministrazione dobbiamo considerare la questione sicurezza che investe diversi aspetti.

La videosorveglianza. Il sistema è già abbastanza esteso a seguito dei recenti interventi realizzati nel 2016; da qualche settimana, tuttavia, la giunta deciso un’importante implementazione nel 2018.

Un maggiore presidio delle forze dell’ordine e a tal fine conto di far presente la questione al Prefetto e di affrontare il tema insieme ai colleghi sindaci dell’Unione.

Un controllo più serrato sui locali notturni, che sappiamo porre in essere politiche commerciali spregiudicate ed eticamente riprovevoli e che sono tese a incentivare l’abuso di alcolici nei giovani, anche minorenni, nonostante i divieti.

Su quest’ultimo aspetto, a prescindere dall’esito delle indagini, dalla prossima settimana interverremo con provvedimenti che hanno l’obiettivo di frenare tali comportamenti».



Foto & video