COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

deportatiScopri tutte le iniziative

banne sito declinazioni femminili 14 marzo | DONNE GUERRIERE. Spettacolo con Ginevra di Marco e Gaia Nanni

Montelupo afferma il diritto alla bigenitorialità: dal 5 settembre possibile essere iscritti in un apposito registro

Si parla del diritto che hanno i minorenni a mantenere un rapporto stabile e continuativo con entrambi i genitori, anche nel caso in cui questi vivano separatamente o siano divorziati.

Il Comune di Montelupo Fiorentino ha scelto di occuparsi di diritto alla “bigenitorialità”, termine non molto noto e nemmeno facilmente pronunciabile che definisce però un principio assolutamente chiaro: il diritto che hanno i minorenni a mantenere un rapporto stabile e continuativo con entrambi i genitori, anche nel caso in cui questi vivano separatamente o siano divorziati.

La proposta iniziale fu lanciata con una mozione dei gruppi consiliari “Linea Civica” e “Montelupo in Comune”; il Consiglio Comunale l'ha fatta propria e ha istituito un registro al quale possono essere iscritti i minori residenti, su richiesta, anche disgiunta di uno dei genitori.

Il comune si impegna nei confronti dei minori iscritti a coinvolgere entrambi i genitori nella informazione e nelle iniziative che possono riguardare la vita, la crescita e l'educazione dei figli: sia direttamente per le proprie iniziative e servizi, sia soprattutto interessando altri enti, che hanno finalità direttamente collegate; per esempio la scuola, la sanità, il mondo delle associazioni e dello sport.

Non è molto nei confronti dell'affermazione di un diritto che appare sempre più importante e non adeguatamente sostenuto nel nostro Paese, dove mancano normative specifiche e quelle che ci sono, come la responsabilità genitoriale e l'affido condiviso, non appaiono sufficienti.

Tuttavia è quanto può fare oggi un’amministrazione comunale, restando nei limiti delle competenze amministrative stabilite dell'ordinamento e nel ruolo di ente pubblico più vicino ai diritti e ai bisogni dei cittadini.

A fine marzo è stato approvato il regolamento dal Consiglio Comunale, da lunedì 5 settembre è attivo il registro e chi lo desidera può richiedere di esservi iscritto.



Foto & video