COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

La ceramica di Montelupo presente alla Mostra Internazionale dell’Artigianato

Categoria: Notizie
Creato Giovedì, 21 Aprile 2016 11:41
Ultima modifica il Giovedì, 21 Aprile 2016 11:41

In mostra riproduzioni dei pezzi tradizionali esposti presso il Museo, ma non mancano anche citazioni e rimandi alla produzione contemporanea

La ceramica di Montelupo torna anche per il 2016 alla Mostra Internazionale dell’Artigianato.

Nell’ottantesima edizione della manifestazione, alla manifattura montelupina è stato dedicato uno spazio all’entrata del centrale padiglione Spadolini.

Mentre lo scorso anno nell’allestimento della palazzina Lorenese era stato dato ampio spazio alla lavorazione, per questa edizione l’attenzione è puntata sulla ceramica tradizionale, sulla storia del prodotto e sul Museo della ceramica.

I vasi  prodotti per la Farmacia storica di Santa Maria Novella, gli oggetti da tavola realizzati per le nobili casate fiorentine, i capolavori e le terrecotte monumentali: sono solo un assaggio della produzione locale esposta a Fiernze.

I visitatori potranno ammirare riproduzioni delle opere esposte presso il Museo della ceramica e anche alcuni esempi della produzione contemporanea.

«Per il secondo anno consecutivo la ceramica di Montelupo viene ospitata dalla Mostra dell’Artigianato, anche per il 2016 in una posizione centrale. – afferma l’assessore alle attività produttive e al turismo Cinzia Cester - La manifestazione è una delle più accreditate a livello nazionale e offre una panoramica delle eccellenze del made in Tuscany e del made in Italy.
Per noi è quindi estremamente positivo essere stati chiamati per il secondo anno consecutivo a esporre il meglio della nostra produzione tipica. Un invito, questo, che ci dice come la nostra ceramica venga considerata un esempio dell’artigianalità e del saper fare toscano.
Ovviamente si tratta anche di un’opportunità da un punto di vista promozionale per il territorio, per il progetto Materia Prima e per Cèramica»