COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

Parte il progetto appartamenti protetti: progetto promosso dalla Misericordia di Montelupo

Categoria: Notizie
Creato Venerdì, 03 Luglio 2015 08:44
Ultima modifica il Venerdì, 03 Luglio 2015 08:50

La Misericordia di Montelupo è stata destinataria di una generosa donazione da parte di una benefattrice, Milena Baldini, si tratta di un immobile sito in Via Colombo angolo Via Milani a Montelupo Fiorentino.

A seguito di una valutazione delle possibili destinazioni d’uso della palazzina, è stato deciso di trasformarla in appartamenti protetti, ovvero appartamenti indipendenti che grazie ad un sistema di servizi, offrono la possibilità di vivere in una piccola comunità con una situazione abitativa adeguata alle proprie condizioni di età e salute, ovvero un ambiente protetto.

Il progetto degli appartamenti protetti è rivolto alle persone anziane autosufficienti sole o in coppia, che hanno l’esigenza di essere seguite nella vita di tutti i giorni, con l’aiuto al disbrigo delle faccende domestiche ed avere soprattutto un punto di riferimento, ogni qual volta si presenti un bisogno di qualsiasi tipo.

Alcuni dei servizi che saranno offerti a coloro che occuperanno gli appartamenti protetti sono: prestazioni infermieristiche e mediche su richiesta, assistenza alla terapia farmacologica, accompagnamento alle visite, riabilitazione, ristorazione, lavanderia, disbrigo di pratiche, pulizia appartamento.

Per informazioni sulla modalità di accesso a questo servizio rivolgersi alla Misericordia di Montelupo, Via Giro delle Mura 27, cell 3470087554 il referente del progetto è Marco Tofani.

Sarà stipulata una convenzione unilaterale in virtù della quale, considerata la finalità sociale dell'intervento, non sarà richiesto il pagamento degli oneri di urbanizzazione per i lavori.

IL COMMENTO DELL' ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI, Marinella Chiti

"Il progetto presentato dalla Misericordia rappresenta un’ulteriore risposta ai bisogni della popolazione, soprattutto a quella fascia di età sempre in aumento per le caratteristiche socio/demografiche di oggi, di persone anziane e sole che comunque vogliono e sono in grado di  essere autonomi per la stragrande maggioranza delle proprie attività quotidiane di vita, ma necessitano comunque di un  supporto presente e competente che dia sicurezza e migliori ulteriormente la loro qualità di vita.
Esperienza che si colloca in continuità con le politiche abitative di questa amministrazione e dei comuni circostanti, con vantaggi importanti e profondi per tutta la  comunità di Montelupo in quanto: combatte l'esclusione sociale,  valorizzando al contempo le  capacità residue delle persone".