COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

banner sito Natale 2019Scopri gli eventi in programma

banner sito informabenePer essere aggiornati su allerta meteo, eventi e notizie di servizio

Meningite: in una nota la Asl comunica che non sussiste nessuna emergenza meningite

Siglato l’accordo con i medici di famiglia. Ogni assistito potrà rivolgersi al proprio medico per il vaccino.
In queste ultime ore l’Asl 11 sta subendo una vertiginosa impennata di richieste di vaccinazioni e di informazioni sul meningococco C, generata dalla preoccupazione per le tristi perdite che si sono verificate nei giorni scorsi. Basti pensare che solo nella mattina di oggi, martedì 31 marzo, sono già arrivate 2.800 chiamate al Cup dell’Asl 11. Tale mole di contatti sta inevitabilmente allungando i tempi di risposta da parte degli operatori, impegnati su più fronti lavorativi.

 E’ doveroso ricordare che, contestualmente, vanno avanti anche tutte le altre attività proprie del servizio offerto dall’unità operativa igiene e sanità pubblica.

I timori della popolazione, pur assolutamente comprensibili, sono tuttavia infondati: è bene ribadire, infatti, che non sussiste alcuna emergenza meningite. L’Asl 11 rassicura sull’infondatezza di tale pericolo e invita i cittadini a non lasciarsi prendere dal panico. 

Le agende degli appuntamenti per questo tipo di vaccinazione sono già complete fino al prossimo 26 maggio: questa mattina, nel giro di 3/4ore sono state programmate complessivamente 1.300 vaccinazioni in più nelle sedi dell’Asl 11 di Empoli, Castelfiorentino, Santa Croce e San Miniato. 

L’Asl 11, nonostante il notevole sforzo organizzativo cui è sottoposta, è decisa a soddisfare ogni richiesta dei propri utenti e, a tal scopo, sta approntando varie misure.

Il vaccino contro la Meningite di tipo C sarà somministrato dai medici di famiglia. E’ quanto stato deciso ieri sera, 31 marzo 2015, in seguito all’incontro informativo e organizzativo svoltosi nei locali del centro direzionale dell’Asl 11, a Empoli, cui hanno preso parte i medici di medici generale del territorio.

La collaborazione dei medici di famiglia è stata massima e unanime al fine di fronteggiare insieme all’Asl 11 la crescente richiesta di vaccinazione da parte della popolazione in seguito ai recenti tre casi di decessi per meningite di tipo C.

Inoltre, i medici di famiglia hanno deciso di collaborare gratuitamente con l’Asl 11 nello svolgimento della campagna vaccinale straordinaria nella consapevolezza del momento particolare che stiamo vivendo. Cominceranno a vaccinare a partire dal prossimo giovedì 9 aprile , a fornitura vaccinale avvenuta.

I soggetti sotto i 18 anni saranno, invece, vaccinati dagli operatori sanitari del l’Asl 11, che programmerà ulteriori sedute vaccinali a cui si potrà accedere tramite il Cup aziendale (tel. 0571-7051).

PER INFORMAZIONI

L’Asl 11 ha istituito 4 contatti telefonici, attivi 24 ore su 24fino a venerdì 3 aprile, ai quali è possibile rivolgersi per avere le informazioni sulla malattia meningococcica: 

- 0571 706521 (ospedale "San Giuseppe" di Empoli)
- 0571 704816 (centro direzionale via dei Cappuccini a Empoli)
- 0571 704822 (centro direzionale via dei Cappuccini a Empoli)
- 335 5216717

A CHI E’ RIVOLTA L’OFFERTA VACCINALE

Visto che i casi verificati sono legati ad infezioni da meningococco di tipo C l’Azienda sanitaria ha deciso di:
rinnovare l’invito a vaccinarsi per chi ha un’età inferiore a 18 anni;
offrire gratuitamente un richiamo dopo 10 anni dalla prima vaccinazione nella fascia di età tra gli 11 ed i 18 anni;
estendere, in via straordinaria, in accordo con la Regione Toscana, l’offerta di vaccinazione gratuita fino all’età di 45 anni.

Chi DEVE sottoporsi a PROFILASSI
La profilassi e la sorveglianza sanitaria è rivolta a coloro che sono stati a contatto con l’ammalato, ovvero:
- contatti conviventi col malato;
- contatti dei bambini degli asili nido e delle scuole materne, quando i bambini hanno soggiornato a lungo con l'ammalato in un ambiente chiuso e a breve distanza da lui, se hanno condiviso bicchieri, posate etc.;
- persona che è stata esposta direttamente alle secrezioni del paziente ammalato attraverso baci, condivisione dello spazzolino da denti, delle posate o dei bicchieri;
- persona che ha frequentato l'abitazione dell'ammalato;
- per il personale sanitario se ci sono stati contatti non protetti durante manovre a rischio come intubazione o respirazione bocca-bocca; Chi NON deve essere sottoposto a profilassi
- contatto casuale: quando non c'è stata nessuna esposizione diretta alle secrezioni orali del malato, per esempio compagni di scuola di altre classi.
- contatto indiretto: cioè quando il contatto non è con l'ammalato, ma è esclusivamente con un contatto stretto.
- personale sanitario che non è stato direttamente esposto alle secrezioni orali del paziente.

Dove eseguire la profilassi
La profilassi può essere eseguita direttamente dal proprio medico o all’ambulatorio igiene e sanità pubblica in via dei Cappuccini n. 79 a Empoli.
Sorveglianza Sanitaria: si ricorda che un’attenta sorveglianza sanitaria deve essere osservata per 10 giorni dalla data dell’ultimo contatto con l’ammalato.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio Pediatra di Famiglia, oppure ai centri vaccinali della ASL 11, oppure consultare il sito www.vaccinarsi.org



Foto & video