COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

Il cortometraggio del centro Arco in Cielo ammesso alla finale del Festival del Cinema Nuovo

Categoria: Notizie
Creato Venerdì, 26 Settembre 2014 11:09
Ultima modifica il Venerdì, 26 Settembre 2014 11:09

Una grande soddisfazione per gli utenti e gli operatori del centro diurno disabili Arco in Cielo di Montelupo Fiorentino!

Il cortometraggio da loro prodotto è stato selezionato fra i 100 pervenuti per il Festival del Cinema Nuovo ed è in lizza per fase finale del concorso.

Il Festival del Cinema Nuovo, giunto ormai alla nona edizione, è un concorso internazionale di cortometraggi interpretati da disabili di comunità, centri diurni e residenziali e associazioni di volontariato. Nei cortometraggi i disabili non interpretano se stessi mettendo in scena le loro problematiche, ma sono attori protagonisti di storie comiche, romantiche, poliziesche e di vario altro genere.

Gli ospiti del centro Arco in Cielo hanno realizzato, grazie al supporto degli operatori della Cooperativa Colori e del regista Adamo Antonacci, il cortometraggio “Stefy Manetta e il grido nella notte”, che verrà premiato e sarà proiettato giovedì 16 ottobre prossimo al Cinema Teatro Argentia di Gorgonzola a Milano.

La giuria del Festival ha valutato i prodotti realizzati in base a precisi criteri: essere vera fiction, originalità del soggetto, location della storia, tecnica di ripresa e montaggio, audio e colonna sonora, ritmo adeguato di narrazione, numero e gravità degli attori disabili e loro protagonismo.

“Ogni filmato evidenzia passione e creatività e, spesso, anche notevole professionalità. Ma, in particolare, in ogni filmato, emoziona l’intensità delle espressioni irripetibili e la voglia di fare cinema dei vostri/nostri attori – ha spiegato il dottor Romeo Della Bella direttore del Festival - Spero che l’aver partecipato al Festival vi sia da stimolo per continuare nell’utilizzazione della tecnica cinematografica come mezzo di espansione creativa-emotiva, come esperienza di integrazione gratificante e, a volte, anche terapeutica, per i nostri giovani”.